Comunicati stampa

12 Aprile 2022

PRESENTATE OGGI A MILANO EXPOSANITA’ E COSMOFARMA – LE DICHIARAZIONI

 

 

Milano, 12 aprile 2022– Sono state presentate oggi a Milano le edizioni 2022 di Exposanità e Cosmofarma, in programma dall’11 al 15 maggio prossimi a BolognaFiere, proprio nel pieno della stagione di ripensamento del Servizio sanitario nazionale e del ruolo delle farmacie all’interno del sistema di assistenza territoriale.

La conferenza stampa si è aperta con l’intervento del presidente di BolognaFiere, Gianpiero Calzolari: “Cosmofarma ed Exposanità sono due eventi molto importanti per il nostro Gruppo, tanto più se pensiamo che sono rivolti ai professionisti della sanità che hanno letteralmente salvato il nostro Paese in questi ultimi due anni segnati dalla pandemia. Nei nostri padiglioni, durante le due fiere, i professionisti della sanità potranno trovare il meglio dell’innovazione tecnologica e di prodotto per ospedali, RSA, e per le farmacie, rete sempre più integrata nei servizi offerti dal Sistema Sanitario Nazionale. Exposanità e Cosmofarma – ha aggiunto il presidente Calzolari – con i tanti convegni promossi assieme ai partner Fofi e Federfarma, che ringrazio, e a tutte le associazioni qui rappresentate (Confindustria Dispositivi Medici, Siais, Anaste, la Federazione Nazionale degli Ordini dei Tecnici Sanitari di Radiologia Medica), costituiscono una grande occasione di riflessione collettiva e di formazione professionale”.

EXPOSANITA’

Gestione della non autosufficienza, innovazione tecnologica, efficienza energetica, soluzioni del mercato: 157 convegni e oltre 450 aziende daranno vita a Bologna ad un confronto indirizzato a tutte le figure professionali che a vario titolo operano in sanità. “Nonostante una crisi pandemica, inaspettata e senza precedenti, il nostro SSN ha retto l’onda d’urto. Come il calabrone che continua a volare anche se, stando alle leggi della fisica, non dovrebbe riuscirci. Oggi abbiamo l’opportunità di rafforzare il SSN rendendolo più efficace e più vicino ai bisogni dei cittadini. Exposanitá 2022 sarà l’occasione per confrontarsi sul futuro e per entrare in contatto con le soluzioni che il mercato offre per raggiungere l’obiettivo.” Così Marilena Pavarelli, project manager della manifestazione, intervenuta in conferenza stampa.

“Le nuove tecnologie rappresentano la vera rivoluzione in sanità e una delle maggiori innovazioni è l’intelligenza artificiale, con ciò che l’accompagna nella sua gestione e in termini di conseguenze, reali e potenziali. Ne ha parlato Teresa Calandra, Presidente della Federazione Nazionale Ordini TSRM PSTRP: “Le finalità e le logiche con cui le macchine vengono informate, quindi istruite, le responsabilità correlate e i relativi dilemmi morali ed etici costituiscono i nuovi oggetti di studio. Per questo la nostra Federazione ha istituito una specifica sezione ‘Scienze cognitive, intelligenza artificiale ed etica delle nuove tecnologie’, all’interno del gruppo ‘Aspetti giuridici e medico-legali’, affinché i professionisti sanitari possano indagarne le implicazioni sulla loro opera, in tutte le dimensioni possibili, quindi conviverci in modo attivo, sicuro e proficuo”.

Al centro della riforma del SSN una nuova prospettiva dell’assistenza territoriale e il ruolo centrale delle RSA, anche alla luce delle esperienze acquisite durante la pandemia e delle attuali esigenze di cura ed assistenza. Su questo è intervenuto oggi Sebastiano Capurso, Presidente di Anaste: “La RSA si evolve e diventa centro multi servizi per i cittadini: volàno per la distribuzione capillare dei servizi, attraverso l’assistenza domiciliare ed impulso per l’evoluzione tecnologica, con la telemedicina”.

Ammodernamento tecnologico e nuova edilizia sanitaria al centro dell’intervento di Daniela Pedrini, Presidente S.I.A.I.S. “L’Associazione S.I.A.I.S., nel proprio percorso di ricerca, formazione e crescita, ritiene strategica la collaborazione con Enti, istituzioni e altri soggetti organizzati che condividono, con S.I.A.I.S., lo spirito e gli obiettivi di miglioramento ed innovazione del sistema sanitario nazionale e dei sistemi regionali, apportando un contributo di competenza tecnica e gestionale estremamente rilevante nella visione complessiva del sistema. Ad Exposanità 2022 S.I.A.I.S. consolida la sua presenza con l’organizzazione di diverse iniziative dedicate al tema delle prestazioni energetiche nella riqualificazione delle strutture ospedaliere e sanitarie, delle fonti energetiche alternative, della impronta ecologica, delle possibili innovazioni per l’efficienza energetica e della progettazione Hbm”.

Alessandro Berti, Presidente Ausili di Confindustria dispositivi medici, è intervenuto ad illustrare lo scenario di mercato che, per quanto riguarda il settore dei dispositivi medici in Italia vale 16,2 miliardi di euro, tra export e mercato interno: “Gli investimenti destinati alla Sanità dal NextGenerationEu, che ci auguriamo vengano confermati, rappresentano un’opportunità unica per rilanciare il Servizio sanitario nazionale, costruendo un sistema che metta il paziente al centro e che abbandoni il regime dei tagli. Lo sforzo dovrà essere quello di creare le infrastrutture e un sistema di gestione della Sanità che consenta di utilizzare al meglio gli strumenti che l’innovazione tecnologica mette a disposizione per massimizzare gli investimenti. Negli ultimi due anni abbiamo assistito a un aumento del 4,9% delle importazioni, di contro l’export registra un generale abbassamento del 5,3% fermandosi a quota 5,4 miliardi. Eppure il comparto in Italia conta 4.546 aziende, che occupano 112.534 dipendenti. Si tratta di un tessuto industriale molto eterogeneo, altamente innovativo e specializzato, dove le piccole aziende convivono con i grandi gruppi. Ma la corsa all’acquisto dall’estero di prodotti per affrontare la pandemia, il rallentamento delle attività ambulatoriali e l’aumento dei costi delle materie prime hanno penalizzato il settore presente nel nostro Paese.”

 

L’ufficio stampa 3406288237

 

COSMOFARMA

 

Oltre 60 appuntamenti tra convegni e seminari per fare il punto sulle sfide future del settore della farmacia, che durante la pandemia ha rafforzato il proprio ruolo come primario presidio territoriale a servizio del cittadino, fornendo anche nuovi servizi.

 

“Negli ultimi due anni i farmacisti hanno dato prova di sapersi adattare ai cambiamenti, rispondendo in maniera immediata ed efficace alle esigenze dettate dalla pandemia. I cittadini e il SSN hanno giovato della presenza capillare sul territorio e delle competenze scientifiche di professionisti costantemente aggiornati, il cui contributo è stato fondamentale per l’attività di screening dei casi Covid e per l’accelerazione della campagna vaccinale, con 2,5 milioni di inoculazioni realizzate in farmacia in pochi mesi”, dichiara Andrea Mandelli, presidente della Federazione degli Ordini dei Farmacisti (FOFI). “L’esperienza della Farmacia dei servizi, maturata ‘sul campo’, deve oggi essere messa a sistema per dare piena attuazione al processo di rafforzamento delle cure di prossimità, sollecitato dalla pandemia, che vede il farmacista al centro dell’assistenza territoriale, operando in sinergia con gli altri professionisti del SSN”.

“In questi due lunghi anni di pandemia si è affermato il modello della farmacia di relazione, orientata alle esigenze di salute dei cittadini con risposte tempestive ed efficaci. Questa evoluzione si innesta nel più ampio processo di riorganizzazione dell’assistenza sanitaria, al quale le farmacie possono dare un contributo fondamentale in virtù della loro capillarità sul territorio, in sinergia con tutti gli attori del sistema. Anche di questo parleremo a Cosmofarma, come sempre importante occasione di confronto sul mondo della farmacia” dichiara Marco Cossolo, presidente di Federfarma nazionale.

“La parola chiave di questa edizione di Cosmofarma, vicinanza, si addice molto alle farmacie, che sono il primo presidio sanitario di prossimità, sempre accessibile, anello di congiunzione tra cittadino e SSN. Lo hanno dimostrato durante la pandemia, portando sul territorio, vicino al cittadino, tutti i servizi necessari alla tutela della salute in un momento di emergenza sanitaria” afferma Roberto Tobia, segretario nazionale di Federfarma e Coordinatore della cabina di regia di Cosmofarma.

Si sofferma sulle iniziative solidali in seno alle due manifestazioni la direttrice generale di Bos Srl, Francesca Ferilli. “Nell’attuale contesto nazionale e internazionale non potevamo esimerci dal voler dare un piccolo contributo. Per questa ragione abbiamo deciso che la consueta serata di gala di Cosmofarma andrà a supportare la Fondazione Francesca Rava nella raccolta di fondi per la realizzazione di un corner farmaceutico, in provincia di Bologna, a sostegno di bambini e famiglie in stato di povertà sanitaria. Inoltre siamo onorati e felici di annunciare che sia Exposanità che Cosmofarma hanno scelto di devolvere parte dei proventi della biglietteria rispettivamente alla Fondazione Sant’Orsola di Bologna e 3 alla Fondazione Francesca Rava, entrambe impegnate a fornire sostegno sanitario ai profughi della guerra in Ucraina”.

“Torniamo finalmente a presentare le novità e gli appuntamenti di Cosmofarma Exhibition, una manifestazione che negli anni si è affermata come riferimento per il mondo della farmacia e che anche le aziende cosmetiche attendono come momento privilegiato d’incontro e confronto con i professionisti del canale – ha dichiarato Luigi Corvi, presidente del Gruppo Cosmetici in Farmacia di Cosmetica Italia – Proprio la farmacia rappresenta infatti un importante presidio sul territorio anche per tutte le tematiche legate al benessere e alla cura di sé a cui il cosmetico, con il suo essenziale valore sociale, può dare una risposta. Una centralità confermata dai dati che collocano la farmacia al terzo posto per consumi cosmetici in Italia con un valore che nel 2021 si è avvicinato agli 1,9 miliardi di euro”.

Sergio Liberatore, amministratore delegato di IQVIA Italia: “Il 2021 è stato un anno di ripresa per la farmacia che ha segnato un aumento di fatturato del 3,4% rispetto al 2020, anno segnato fortemente dalla pandemia da Covid. Nel 2021, inoltre, la farmacia dei servizi ha avuto una grande spinta dalla pandemia, il servizio di tamponatura e la vaccinazione in farmacia hanno infatti rappresentato la prima vera prova. La pandemia ha dato anche un notevole impulso alla digitalizzazione delle farmacie italiane. Si calcola che un anno di pandemia è equivalso a quattro anni ‘normali’ in termini di sviluppo digitale del settore. Da ora in avanti, la competitività passerà dai servizi che il farmacista saprà dare ai propri clienti, anche online”.

L’Ufficio stampa 3346534329; 3351332462

Ufficio comunicazione e stampa, Sara Sacco: sara.sacco@senaf.it , 051.056074

La manifestazione si svolge sotto il patrocinio di FOFI – Federazione Ordini Farmacisti Italiani, Federfarma, Fondazione Cannavò, UTIFAR – Unione Tecnica Italiana Farmacisti. Al fine di tutelare le aziende e tutti gli operatori del settore la manifestazione si svolgerà nel pieno rispetto di tutte le norme di sicurezza.

Media Partner